Vuoi risparmiare migliaia di euro sul tuo mutuo? Ti spiego come con la surroga!

In questo articolo ti parlerò della surroga del mutuo.

Ti anticipo che se sei intestatario di un mutuo da più di 2 anni, molto probabilmente ti darò degli spunti che ti faranno risparmiare migliaia di euro e non ho esagerato, veramente migliaia di euro!

 

Partiamo dalla base, cos’è la surroga?

La surroga del mutuo, altrimenti detta portabilità, è la possibilità del cliente di una banca che abbia stipulato un contratto di mutuo, di passare ad un altro istituto di credito che gli offra condizioni migliori, senza dover sostenere nessun costo. Infatti tutte le spese saranno a carico della banca.

Adesso faccio un esempio per aiutarti a capire quanti soldi potresti risparmiare.

Famiglia con due redditi, lavoratori dipendenti a tempo indeterminato.

Mutuo fatto nel 2018 di 150.000€ con durata di 30 anni e un tasso del 2,3 %.

La rata mensile è di 577 € e calcolando bene a fine del mutuo gli interessi totali versati saranno quasi 58.000€.

Con la surroga ad oggi, il tasso sarebbe indicativamente 0.7 %

Cosa significa in numeri questa diversità?

Significa che la rata sarà di 462 € e gli interessi totali ammonteranno a circa 16.000€.

In conclusione, facendo due calcoli semplici con la surroga, si risparmiano circa 42.000€ di interessi e le rate saranno più basse di 115 € ogni mese.

Adesso che ti ho dimostrato con i numeri il risparmio, ti starai chiedendo:

Quale deve essere il primo passo da fare?

  1. Il primo passo è di verificare quali sono le condizioni che gli altri istituti ti applicano e per fare questo ti basta andare su internet e cercare il sito www.mutuionline.it, selezionare la casella surroga e inserire i dati richiesti, sappi che è gratuito e senza impegno. Da qui riceverai le offerte attualmente disponibili sul mercato in base alle tue caratteristiche di cliente.
  2. Il secondo passo è quello di stampare le condizioni che ti vengono applicate dagli altri istituti di credito e di andare a parlare al tuo direttore di banca, spiegandogli la situazione; non farti problemi, devi essere sincero e dirglielo che per correttezza prima di cambiare provi a chiedere a loro se intendono adeguarti i tassi, altrimenti sarai obbligato a rivolgerti ad altro istituto.
  3. Il terzo passo dipende molto dalla risposta della tua banca, se per caso ti ha detto che non ti adegua i tassi, dovrai recarti all’istituto di credito che ti ha offerto il tasso migliore, verifica le condizioni tenendo conto di tutte le spese oltre al tasso e se continua ad essere una proposta interessante, inizia la pratica per il trasferimento del mutuo.

I passi successivi non dipenderanno più da te:

La nuova banca comunicherà alla vecchia la tua intenzione di cambiare istituto di credito e, a questo scopo, richiederà l’entità del tuo debito residuo. Nel nuovo contratto tale somma diventerà il capitale che la banca ti concederà e che dovrai restituire in rate mensili.

La vecchia banca, non potrà opporsi alla tua scelta; pertanto dovrà concedere il nulla osta e se entro 30 giorni non effettuerà il passaggio sarà sanzionata.

A questo punto la nuova banca tramite un rogito notarile a sue spese, renderà effettiva la surroga del tuo mutuo.

Spero che questo articolo ti sia servito a farti risparmiare un po’ di denaro! 😉

Se avessi delle domande in specifico, contattaci senza problemi

Share This
Call Now Button